Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

“Quando io morirò, il tuo pianto duri
Non più della campana...
E se la memoria ti addolora
Voglio sparire dal tuo dolce cuore
Se leggerai i miei versi, scorda allora
Chi li compose...
Non nominare il mio povero nome...”
Sonetto XXXI di William Shakespeare.
E' tratto da un bellissimo spettacolo di Luca Radaelli presentato al Teatro Nuovo di Varese la settimana scorsa. “Una questione di vita e di morte. Veglia per E.E.”. Dove “E.E.” sta per Eluana Englaro.
Un'ora e mezzo di monologhi, di canti e musiche che, senza forzature ideologiche e politiche, ha aiutato un pubblico più numeroso del previsto a riflettere sulle cose più importanti della nostra esistenza: la vita e la morte. “Qual è – ci dice Luca Radaelli – il sottile lembo di terra che unisce i due mondi, quello dei vivi e quello dei morti? E dov'è il confine che segna il passaggio dall'uno all'altro mondo? Forse che non vediamo intorno a noi persone che è come se fossero morte da tempo? Forse che non sono ancora vivi, per noi, uomini e donne morti da tempo?”
Riflessioni più che necessarie in un'epoca dove tutto è mercificato e plastificato, dove regna la superficialità, il pressapochismo e l'analfabetismo funzionale (tema quest'ultimo che affronterò prossimamente: in Italia, ahimé primo paese al mondo, l'analfabetismo funzionale tocca l'80 per cento delle persone!).
Perché in tutte le culture, la morte è un fatto naturale. Dall’Irlanda all’Africa, dalla Calabria alla Groenlandia, le comunità si riuniscono a vegliare il morto con canti e racconti, mangiando, bevendo, anche ubriacandosi. Questo spettacolo riprende la tradizione proponendo una veglia, laica, anche per chi non ha avuto questa possibilità. Al contrario nel caso Englaro avevamo assistito a una sorta di veglia mediatica a reti unificate, dove la polemica sostituiva la pietà. Addirittura ci fu chi ha parlato di cultura della vita opposta ad una cultura della morte. Viviamo in una società che vende modelli di giovinezza e prestanza e la morte cerca di dimenticarla, occultarla, esorcizzarla. Qui se n'è parlato citando Dante, Shakespeare, Sofocle e altri grandi della storia attraverso canti, letture, brani poetici. Per capire quanto si diceva prima, che vita e morte sono le due facce della stessa medaglia. Vorrei tanto che questo spettacolo fosse visto da molte persone e spero che possa girare il più possibile.
Per questo vi indico alcuni indirizzi che aiuteranno a far circolare l'informazione.

Qui trovate alcuni stralci dello spettacolo in un bel servizio messo in onda da RaiNews: http://altrevoci.blog.rainews24.it/2012/02/22/eluana-englaro-in-scena-a-tre-anni-dalla-morte/ è un video un po' lungo (circa 16 minuti) ma ci sono anche interviste e brevi inchieste che completano l'argomento. Al contrario vi sconsiglio di vedere e ascoltare lo spettacolo su YouTube, perché il suono purtroppo non aiuta né concentrazione, né attenzione.
Informazioni ulteriori le potete trovare nel sito di Radaelli:
WWW.ultimaluna.org
.



I commenti dei visitatori:


Purtroppo continuiamo a ragaonire per schemi binari, per cui al bianco dobbiamo opporre il nero, al cattolico il laico etc. La presunzione di alcuni e9 che il ragionamento segua un unica strada che in maniera deterministica porti sempre da A a B. Il ragionamento di Monsignor Sgreccia e9 seguito pari pari nell'atto di indirizzo del Ministro Sacconi inviato a tutte le regioni e aziende sanitarie. In primo luogo non si parla di permanente e si confonde lo stato vegetativo persistente e lo stato di coscienza minima, creando una confusione che non aiuta, situazioni quest'ultime, in cui realmente potrebbe esserci la possibilite0, remota, di un recupero.Si equipara lo Stato vegetativo permanente ad una condizione di disabilite0 e nel documento di Sacconi si fa un richiamo al documento WHO sulla tutela dei disabili, che invito tutti a leggere. Si nega un evidenza, come e9 successo nel caso di Terry Schiavo. Qualcuno ha avuto la pazienza di leggere il report dell'autopsia, a disposizione su internet, che documenta che il cervello, dimezzato come peso,era sostituito da una cavite0 cistica. certo l'essere non e9 definito dagli attributi anatomici( cosec sostengono) ma seguire in questa strada non significa tutelare zoe e non la bios, cioe9 la vita biologica e non la biografia. In contrasto con tutta la letteratura scientifica si continua a sostenere che l'idratazione e la nutrizione artificiale non siano atti medici ..Perche8 non mettiamo in discussione se continua cosec la whole dead brain? il cuore puf2 continuare a battere .


jRtjxCwAIUYFqq - 02-06-2012

It's good to see someone thninikg it through.


qn8uGuUasAJ - 17-11-2013

It's good to see someone thninikg it through.


qn8uGuUasAJ - 17-11-2013

It's good to see someone thninikg it through.


qn8uGuUasAJ - 17-11-2013

I could read a book about this without finding such real-world apraepchos!


qh32z4r5 - 09-11-2016

I could read a book about this without finding such real-world apraepchos!


qh32z4r5 - 09-11-2016

I could read a book about this without finding such real-world apraepchos!


qh32z4r5 - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento