Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

Ho scritto una recensione, dalla quale traggo questo post, anni fa, e mi accorgo, avendola rivista casualmente, che le opinioni sbagliate sono dure a morire. Anche le mie. Infatti ho (ri)continuato a pensare, fino a 5 minuti fa, che “una mela al giorno toglie il medico di torno” nonostante la lettura di un bel libretto di Carlo Cannella e Giovanni Carrada che si intitola “I miti dell’alimentazione” (edizioni Tea, ma non so se si trova ancora in libreria) e nonostante che nella mia vita abbia sempre mangiato poche mele...
La questione della mela al giorno sembra che l’abbiano inventata gli inglesi: An apple a day keeps the doctor away. Ma la mela, sembra un'ironia della sorte, è uno dei frutti più poveri di vitamine e di sali minerali, che sono proprio i due nutrienti per i quali la frutta è preziosa.
Le mele contengono pochissimo calcio, pochissimo fosforo e vitamine in dosi assolutamente minime. Chissà perché è toccato proprio a loro diventare protagoniste di questo famoso detto popolare. Non fraintendete: il consiglio degli alimentaristi non è quello di evitare di mangiare mele, che oltretutto sono particolarmente indicate a ripulire la bocca dopo i pasti. Piuttosto il consiglio è di ricostruire il detto in questo modo: un frutto diverso ogni giorno... “potrebbe” togliere il medico di torno...
Infatti ogni frutto ha i suoi meriti. Ci sono quelli ricchi di vitamina C e provitamina A, come arance e mandarini, che però contengono poche vitamine del gruppo B. Albicocche, banane e kiwi sono ricchissimi di potassio. Ciliege, uva e mandarini sono ricchi di calcio. Nelle castagne c'è praticamente tutto, e in grandi quantità, escludendo le vitamine A e C.
La frutta cotta perde qualcosa in fatto di vitamine e di sali minerali rispetto a quella cruda, ma spesso compensiamo la differenza mangiandone di più, dato che è più digeribile.
Un’altra falsa credenza?
Si dice spesso - scrivono i nostri Cannella e Carrada (il primo è docente di scienza dell’alimentazione a Roma e il secondo è biologo e divulgatore scientifico) - che la frutta andrebbe consumata con la buccia perché sarebbe lì che si trovano la maggior parte delle vitamine.
Anche questo non è esatto. Anzi, mangiare la buccia ci espone più facilmente al rischio di ingerire dei pesticidi e varie sostanze tossiche naturali.
In realtà le vitamine e i sali minerali, come le altre sostanze antiossidanti che la scienza sta scoprendo in questi anni nella frutta, si trovano quasi tutte nella polpa, e non nella buccia. Nella polpa perché quasi tutte le sostanze buone della frutta si sciolgono nell'acqua, e l'acqua, nella frutta, sta appunto nella polpa.
La funzione della buccia è invece quella di proteggere il frutto dall'attacco dei parassiti e dei microorganismi. Per questo è fatta di dura fibra a base di cellulosa. Per questo spesso ci sono anche spine e scaglie, quando non addirittura delle sostanze tossiche che servono a combattere i parassiti in modo naturale...  (notate come la parola naturale non sia mai un sinonimo di sano o commestibile...) oltre ai già citati pesticidi e altri contaminanti che cadono con la pioggia.
Ultima cosa: sappiamo che alcuni frutti - come le mele - una volta sbucciati si scuriscono. Come mai? Perché certe sostanze della polpa si ossidano, a contatto con l'ossigeno e quindi cambiano colore.
Questo non toglie nulla al valore nutritivo della frutta, e neppure alla vitamina C, come spesso si sente dire. Perché, anche ossidata, la vitamina verrà poi riconvertita dal nostro organismo nella sua forma originale.

I commenti dei visitatori:


la mela si puo mangiar anche dopo pranzo a differenza di altri frutti.....e non dimentichiamo il piruvato contenuto nelle mele rosse.......sono un nutrizionista igenista alimentare


cobran - 15-02-2014

You've hit the ball out the park! Inlbedirce!


gixHcTsSe0 - 09-11-2016

You've hit the ball out the park! Inlbedirce!


gixHcTsSe0 - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento