Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

Prima vi do qualche dato, poi vi esprimo i miei dubbi in merito...
The Nielsen Company è un’azienda multinazionale attiva nelle aree dell’informazione sui media, da tutti i punti di vista, pubblicità compresa, ovviamente.
Secondo una ricerca di questa azienda, in Italia erano oltre 23 milioni gli utenti che si sono connessi al web almeno una volta a novembre 2007 da casa e/o dall'ufficio (24,5 se si includono anche gli utilizzatori di applicazioni come gli instant messenger, i software per la riproduzione video/audio o applicativi quali Skype e Google Earth), in crescita del 3% rispetto al mese precedente.

Nel dettaglio, gli utenti che accedono alla Rete da casa sono sostanzialmente stabili a 18,8 milioni, mentre quelli che navigano dall’ufficio continuano a crescere superando a novembre i 9,2 milioni, con un incremento del 5% rispetto ad ottobre.
A livello individuale abbiamo un totale complessivo di tempo speso online durante il mese di oltre 21 ore e 50 minuti.

Con riferimento al profilo demografico degli utenti online si rileva sempre una prevalenza di uomini (il 58% contro il 42% di donne) ma le donne online crescono a ritmo più sostenuto e passano dal 40.7% al 42.4% dell’intera popolazione Internet.

Per quanto riguarda la diffusione dell’e-commerce, l’Italia continua a presentare ritardi rispetto agli altri paesi europei: a settembre 2007 gli acquirenti online sono stati 1,6 milioni, pari al 7% dei navigatori attivi.

Parlando di Web 2.0, ovvero dei siti prodotti e aggiornati dagli utenti medesimi, si assiste (sempre secondo Nielsen) ad un coinvolgimento più diffuso ed interessato da parte dei navigatori. I frequentatori di blog sono 6,4 milioni (con più di un navigatore su 5 che si muove attivamente in questi spazi della Rete). Gli utenti del Web 2.0 inoltre hanno un consumo più intenso di Internet: passano infatti online il 40% di tempo in più rispetto al totale degli internauti italiani, in virtù non tanto di sessioni di navigazione più lunghe, ma di una maggior frequenza di accesso alla Rete (57 sessioni al mese contro le 41 della media italiana).

Sarà, ma  io continuo ad avere i miei dubbi. Su 465 partecipanti alle primarie dell’anno scorso nella mia zona, solo 58 avevano un indirizzo e-mail (quindi il 12,5 per cento) e stiamo parlando di persone motivate e probabilmente più acculturate rispetto alla media della popolazione. Sicuramente più acculturati sono i membri delle varie associazioni nelle quali opero. Ebbene, ho creato per loro diversi newsgroup in Yahoo e in Google, ma la maggior parte degli associati ha delle serie difficoltà ad usare lo strumento.
O io sono molto sfortunato, o le percentuali dichiarate da Nielsen sono molto poco affidabili....

I commenti dei visitatori:


That ingiths's just what I've been looking for. Thanks!


2Woa81zn5q - 09-11-2016

That ingiths's just what I've been looking for. Thanks!


2Woa81zn5q - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento