Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

Molti avranno sentito parlare di queste sostanze, molto inquinanti:
Il piombo, che è usato nella saldatura dei componenti sui circuiti stampati, dove le leghe comunemente utilizzate contengono il 40% di piombo e il 60% di stagno.
Il mercurio, ormai praticamente abolito dai termometri, che viene utilizzato in particolari termostati e nelle lampade a scarica di mercurio.
Il cadmio, che si usa nelle batterie ricaricabili, come protezione contro la corrosione, e in alcuni casi come pigmento o stabilizzante nelle vernici.
Il cromo esavalente che, va ricordato, è un agente cancerogeno e che serve  per i trattamenti di cromatura e di zincatura elettrolitica, allo scopo di evitare la corrosione e l’usura delle superfici.
I bifenili polibromurati (PBB) e gli eteri di difenile polibromurati (PBDE) che sono aggiunti ai polimeri plastici in particolare per ottenere proprietà ignifughe (ritardanti di fiamma).

Ho citato queste sostanze per comodità, perché sono quelle prese in considerazione dalla direttiva europea ROHS (Restriction of Hazardous Substances Directive) che è diventata obbligatoria a partire dal 2006. Tecnicamente si chiama normativa 2002/95/CE.
Secondo questa normativa, i produttori devono essere in grado di dimostrare la presenza di livelli minimi di queste sostanze, dove le concentrazioni massime non possono superare lo 0,1%  del peso di materiale omogeneo (il cadmio è limitato a 0,01%). Vuol dire che i limiti non si applicano al peso del prodotto finito, e nemmeno ad un singolo componente, ma a tutta la singola sostanza che potrebbe (teoricamente) essere separata meccanicamente. Per esempio la guaina isolante di un cavo elettrico che compone l’apparecchio elettronico.

La direttiva si applica ad una gran quantità di apparecchiature.
    * Grandi elettrodomestici
    * Piccoli elettrodomestici
    * Apparecchi informatici e di telecomunicazione
    * Apparecchiature di consumo
    * Apparati per illuminazione (comprese le lampadine)
    * Attrezzi elettronici ed elettrici
    * Giocattoli, attrezzature per svago e sport
    * Distributori automatici

Invece le batterie (così come altri materiali ceramici, o certe leghe speciali, o il vetro dei tubi catodici) non sono incluse nei limiti del RoHS. Dunque le batterie al piombo e al NiCd sono consentite (anche se queste ultime sono ormai praticamente sostituite da batterie NiMH Nichel-Metallo Idruro).
I limiti all’uso di queste sostanze pongono problemi non indifferenti alle industrie. Per esempio l’abolizione del piombo nelle saldature in campo elettronico richiede investimenti costosi nelle catene di montaggio e per i produttori di componenti elettrici ed elettronici che devono rivedere le procedure e utilizzare materiali alternativi. Inoltre il maggiore stress in fase di saldatura (la temperatura di saldatura deve essere più alta) può determinare una minore affidabilità dei componenti elettronici.
Per questo alcuni paesi tendono ad esentare, per ora, i prodotti elettromedicali e di telecomunicazione dalla legislazione. La tendenza però è quella di unificare queste norme, non solo a livello europeo, ma anche a livello mondiale.

Comunque queste parziali e incomplete informazioni dovrebbero renderci più sensibili sia nell’acquisto di prodotti che contengano la minor quantità possibile di prodotti inquinanti (pensate all’inutilità assurda di tanto impacchettamento delle merci) sia ad una attenzione quasi certosina nella separazione dei rifiuti. Ormai quando si acquista un nuovo prodotto elettronico, per esempio, è necessario riconsegnare il vecchio al venditore. E questo non perché ci faccia una cortesia, ma perché abbiamo pagato, con l’acquisto del nuovo, anche il costo della rottamazione e del riciclaggio del vecchio.
Non sono solo i rifiuti che “puzzano” quelli che possono contribuire all’inquinamento e a danneggiare la nostra salute. Anzi...

I commenti dei visitatori:


Good point. I hadn't thhuogt about it quite that way. :)


mDw1h0Cj - 09-11-2016

Good point. I hadn't thhuogt about it quite that way. :)


mDw1h0Cj - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento