Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

Da mesi trovo sui mezzi di comunicazione una campagna che dire di criminalizzazione nei confronti degli immigrati non è esagerato.
Si moltiplicano le notizie di violenze, delitti, investimenti, stupri, compiuti da “marocchini”, ”egiziani”, ”rumeni” e altri cattivoni provenienti dall'estero..
Stimolato da un articolo di Curzio Maltese, sono andato a cercare statistiche e dati. Trovo nel sito dell’ISTAT http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20070221_00/  dati molto interessanti sulle violenze fisiche o sessuali subite dalle donne tra i 16 e i 70 anni. Una ricerca del 2006 presentata il 21 febbraio 2007. Campione di 25.000 donne intervistate telefonicamente.

Per brevità prendo solo i dati che riguardano lo STUPRO. Le donne vittime di stupri o tentati stupri sono il 4,8 per cento delle italiane tra i 16 e i 70 anni (circa un milione!).
Gli autori di questi delitti vergognosi? Per il 69.7 (Sessantanove virgola sette per cento! Uguale circa seicentonovantamila maschietti) sono il partner o l’ex partner della donna. Il 17,4 per cento sono dei conoscenti. Il 7,2 per cento degli amici (diciamo così). L’1,5 per cento parenti. L’1,5% dei colleghi. Lo 0,8 per cento amici di famiglia. L’1,2 per cento delle donne non specifica l’autore dello stupro. Infine il 6,2 per cento denuncia stupri o tentati stupri di SCONOSCIUTI. In questa percentuale, 6,2% dovrebbero essere comprese le violenze compiute da stranieri. Ma le loro azioni occupano – a occhio -  l’80, forse il 90 per cento dell’informazione.

I commenti dei visitatori:


THX that's a great anwser!


GbYnUTBfY - 24-05-2011

AFAIC that's the best asnewr so far!


AmqwkLNzbbjUsxYXNIE - 25-05-2011

That's a sensible answer to a chlenangilg question


UcTfN0HCt1U9 - 09-11-2016

That's a sensible answer to a chlenangilg question


UcTfN0HCt1U9 - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento