Il blog di Vincenzo Masotti



I testi


I link

Accomazzi.net

Sito RTSI


Valid XHTML 1.0!

Sar-At 6.1
Powered by Sar-At


Torna alla Home

Il testo di Vincenzo:

Cominciò a lavorarci nel 1980, ma la sua creatura vide la luce solo dieci anni dopo, quando consegnò il documento «World Wide Web: proposta per un progetto di Ipertesto».
Lui, Tim Berners Lee, figlio di due matematici inglesi rubati all'informatica, è nato a Londra nel 1955. Laureato in fisica alla Oxford University, lavorava per il Cern di Ginevra come consulente software. Negli anni '80 aveva sviluppato un primo progetto di documentazione ipertestuale: un software, chiamato Enquire, che consentiva di gestire i dati raccolti da diversi computer collegati in rete. Il programma fu studiato per farne uso privato e non venne mai reso noto al pubblico, ma portava in sé le basi del futuro World Wide Web.

Lo studio del grande progetto di ipertestualità globale in rete prese il via proprio in quegli anni: l'idea era di trovare un sistema per facilitare lo scambio di informazioni tra ricercatori, una «ragnatela» che permettesse di comunicare, di trasmettere dati e opinioni nel più breve tempo possibile. Si trattava di collegare i testi in modo tale da potersi spostare da un concetto all'altro per trovare l'informazione cercata: la rete di tutti questi collegamenti si sarebbe chiamata web.

Il progetto fu presentato nel dicembre 1990, ma rimase pressoché sconosciuto al grande pubblico fino al 1993, quando venne sviluppato Mosaic, il primo vero browser web a largo consumo. Di lì a poco la grande ragnatela sarebbe stata sulla bocca di tutti e termini come Url, http e html sarebbero entrati nel linguaggio comune.

Uomo schivo e riservato, Tim Berners Lee, non ha mai voluto sfruttare economicamente le sue invenzioni. Nel 1994 ha cominciato a lavorare per il Massachusetts Institute of Technology. Oggi è direttore del World Wide Web Consortium, nato per sviluppare le potenzialità della rete e creare il web del futuro. Ed è un ente molto importante del quale sentiremo parlare ancora molto, quando si tratterà di prendere decisioni riguardanti l'Internet.
Ma queste qauttro parole erano per celebrare un personaggio, senza del quale nessuno avrebbe pensato che la rete sarebbe
diventata quella che è in pochissimi anni.

I commenti dei visitatori:


It's a pleasure to find such raotinaltiy in an answer. Welcome to the debate.


SOT7fNBD1y - 09-11-2016

It's a pleasure to find such raotinaltiy in an answer. Welcome to the debate.


SOT7fNBD1y - 09-11-2016

It's a pleasure to find such raotinaltiy in an answer. Welcome to the debate.


SOT7fNBD1y - 09-11-2016

Hai qualcosa da dire anche tu? Scrivi un commento